Associazione Istruzione Unita Scuola Sindacato Autonomo

IUniScuoLa Lombardia: Via Olona n.19-20123 Milano Tel/fax+390239810868



giovedì 17 giugno 2010

Manovra, società regionali: Lombardia risponde al Ministero del Tesoro

"Apprendiamo dalla stampa che il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha avviato, insieme alle Camere di Commercio, un'indagine per censire le società e gli enti partecipati dalle Regioni.
Segnaliamo che le società della Regione Lombardia sono cinque: Finlombarda Spa (100%), Lombardia Informatica Spa (100%), Infrastrutture Lombarde Spa (100%), Cestec Spa (100%) e Ferrovie Nord Milano Spa (57,574%). Si tratta di società che, negli anni del governo Formigoni e a tutt'oggi, hanno dato prova di efficienza ed economicità avendo tutte bilanci sani e non avendo mai prodotto alcuna perdita. Inoltre Regione Lombardia partecipa ad altre due società: EXPO 2015 Spa (20%) e Navigli Lombardi Scarl (22%)". E' quanto si legge in una Nota della Regione Lombardia a proposito della manovra economica del Governo.
"Va notato inoltre - prosegue la Nota - che nell'audizione alla Commissione Bilancio del Senato del 10 giugno scorso, la Corte dei Conti ha confermato e certificato i dati forniti dalle Regioni. La Corte dei Conti ha spiegato che il contributo richiesto alle Amministrazioni territoriali è senza dubbio rilevante: si tratta di circa 1/3 della manovra correttiva lorda nel 2012 e della metà dei tagli previsti per la spesa. Inoltre, nel primo anno (il 2011) la correzione richiesta è di maggior rilievo: rappresenta poco meno del 40% della manovra lorda e quasi 2/3 di quella attesa in termini di riduzione delle spese.
Il taglio quantitativamente maggiore riguarda le Regioni: 4,5 miliardi di euro nel primo anno che salgono a 5,5 nel 2012".
"Da ultimo - conclude la Nota - va ricordato che la Commissione europea, nella sua relazione del 15 giugno scorso, ha approvato l'ammontare totale della manovra, ma non ha espresso un parere sulla ripartizione della stessa, riconoscendo però che la metà dei tagli saranno sopportati delle amministrazioni locali in quanto i trasferimenti dal Governo centrale saranno ridotti".

(16 giugno 2010 Ln - Milano-Lombardia Notizie)

Nessun commento:

Posta un commento