Associazione Istruzione Unita Scuola Sindacato Autonomo

IUniScuoLa Lombardia: Via Olona n.19-20123 Milano Tel/fax+390239810868



mercoledì 26 maggio 2010

Manovra, Roberto Formigoni: "Ci taglia 3 miliardi di euro, è abnorme"


La manovra economica presentata dal Governo "non è sostenibile per le Regioni" e "non è equilibrata" perché al comparto delle Regioni è chiesto "uno sforzo abnorme".
E' quanto ha dichiarato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, commentando i contenuti del provvedimento economico del Governo. "Noi siamo consapevoli - ha aggiunto Formigoni - della difficoltà del momento, che è di carattere internazionale, e siamo convinti che occorrano provvedimenti forti e che ognuno debba fare la propria parte per permettere all'Italia di uscire dalla situazione critica che si è creata negli ultimi due anni".

"Per questo siamo disponibili - ha proseguito il presidente - a farci carico di una parte della manovra, ma quanto finora prospettato non è sostenibile per le Regioni e tra l'altro metterebbe a repentaglio e a forte rischio anche il federalismo fiscale". Formigoni ha ricordato che si prevede un taglio di 11,8 miliardi di euro per le Regioni nel loro complesso e per la Lombardia di 1,5 miliardi all'anno, per due anni, su un bilancio autonomo di 5 miliardi all'anno: un ridimensionamento di 3 miliardi su 10, pari cioè al 30%, il che "metterebbe a rischio tutte le politiche attive della Regione Lombardia: servizi sociali, politiche per le imprese, politiche ambientali e istruzione".

"Chiediamo al Governo - ha detto ancora il presidente - di rivedere la distribuzione dei pesi della manovra, ad esempio attribuendo alle Regioni gli stessi tagli che sopportano i ministeri e gli altri comparti dello Stato". Formigoni si è anche detto convinto che nelle prossime settimane si potrà trovare una soluzione: "lavoreremo con il Governo e con il ministro Tremonti per stabilire misure che garantiscano la sostenibilità".
(Lombardia Notizie Ln - Milano))

Nessun commento:

Posta un commento